Home » La legge e la tutela per le donne vittime di violenza

La legge e la tutela per le donne vittime di violenza

A tutela delle donne vittime di qualsiasi forma di violenza, il 19 luglio 2019 è stata emanata la Legge n.69. Essa è oggi nota come Codice rosso e prevede una procedura d’urgenza, il sensibile aumento delle pene per i reati già previsti dal nostro Codice penale e l’introduzione di nuove fattispecie di reato.
Quest’ultimo prevede:
–  L’istituzione di nuovi reati;
–  L’aggravamento delle pene dei reati commessi in ambito familiare o nel caso dell’interruzione di un rapporto (separazione e divorzio);
–  L’accelerazione delle indagini;
–  L’obbligo da parte del pubblico ministero ad ascoltare la persona offesa e/o il denunciante entro i 3 giorni dall’iscrizione della notizia di reato nel registro della procura.

L’istituzione di nuovi reati

Sono stati aggiunti al Codice penale i seguenti reati:
1) Il delitto di deformazione dell’aspetto della persona mediante lesioni permanenti al viso;
2) Il delitto di diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti senza il consenso delle persone rappresentate;
3) Il delitto di costrizione o induzione al matrimonio;
4) Il delitto di violazione dei provvedimenti di allontanamento e del divieto di avvicinamento.

Le pene
1) Reclusione da 8 a 14 anni. Ergastolo in caso di morte della vittima (considerato omicidio).
2) Reclusione da 1 a 6 anni, con multa da 5.000 a 15.000 euro;
3) Reclusione da 1 a 5 anni;
4) Reclusione da 6 mesi a 3 anni;

L’aggravamento delle pene di altri reati
Per reati reati commessi in presenza o al danno di un minore, di una donna incinta o di persona con disabilità è prevista una pena aumentata fino alla metà.
Inasprimento della pena per atti persecutori.
Inasprimento della pena per violenza sessuale, specialmente se commessa ai danni di un minorenne.
Per atti sessuali con minore, con aggravante quando gli atti sono commessi con minori di 14 anni in cambio di denaro o di una qualsiasi altra utilità, anche solo promessa. (Aumento fino ad un terzo della pena). il delitto di omicidio, con l’estensione del campo di applicazione delle aggravanti dell’omicidio aggravato dalle relazioni personali.